Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi, arriva il reboot: e gli altri cult anni ’80?

Tira una forte aria di revival in casa Disney. L’ultimo film che la compagnia di Topolino sta pensando di rispolverare è un classico dell’infanzia con cui sono cresciuti molti di noi: Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi.

Il cult originale

Ve lo ricordate? Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi è una commedia dalle tinte fantascientifiche uscita nel 1989, che vedeva Rick Moranis nei panni di un inventore nerd che un giorno crea una macchina in grado di rimpicciolire le cose. E pure le persone. Compresi i suoi figli.

 

Una pellicola per tutta la famiglia divertente, e anche decisamente innovativa, che per anni è stata la commedia sci-fi di maggior successo commerciale, almeno fino all’arrivo di Men in Black con Will Smith e Tommy Lee Jones. Una hit clamorosa che diede vita anche a due sequel e a una serie tv.

La pellicola prodotta dalla Walt Disney Pictures era diretta da Joe Johnston, regista che in seguito avrebbe girato pure un altro cult per ragazzi come Jumanji.

Il sequel-reboot

La nuova versione di Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi sembra voler seguire la scia di Jumanji – Benvenuti nella giungla. Il film con Dwayne Johnson è riuscito nell’impresa non da poco di omaggiare e non far rimpiangere, non troppo se non altro, l’originale con protagonista Robin Williams. Allo stesso tempo si è rivelato, con un incasso mondiale di quasi un miliardo di dollari, un enorme successo commerciale. Non a caso a breve arrivare il terzo capitolo della saga.

 

In maniera analoga, anche il nuovo Tesoro, mi sono ristretti i ragazzi sarà un sequel-reboot. Il titolo della pellicola sarà Shrunk, mentre l’originale era Honey, I Shrunk the Kids. Il protagonista sarà Josh Gad, attore di recente visto in La bella e la bestia e Assassinio sull’Orient Express, che avrà la parte del figlio ormai cresciuto di Wayne, il personaggio interpretato da Rick Moranis. Pure lui farà lo stesso errore del padre e rimpicciolirà a sua volta i suoi figli.

E gli altri cult anni ’80?

Mentre questo progetto sta prendendo vita, ci sono altri grandi classici del cinema anni ’80 che potrebbero prima o poi avere nuovi capitoli, ma di cui almeno per adesso non ci sono ancora conferme ufficiali.

Da tempo si parla di un possibile quarto titolo della saga di Ritorno al futuro. Chi non vuole proprio realizzarlo è però il regista dei primi tre leggendari episodi. Robert Zemeckis, nel corso di un’intervista con il britannico The Guardian, in proposito aveva dichiarato in maniera perentoria: “Oh Dio, no. La cosa non accadrà finché io e Bob (Gale, il co-sceneggiatore) non saremo morti. E poi sono sicuro che lo faranno, a meno che non ci sia un modo grazie al quale i nostri legali potranno fermarlo”.

 

Sembra esistano maggiori possibilità riguardo a un eventuale Goonies 2. L’interprete di Mikey Walsh nel film diretto nel 1985 da Richard Donner, Sean Astin, in un’intervista con Collider ha spiegato: “Il pubblico è così influente e così devoto al film che sono assolutamente convinto che alla fine si girerà un reboot, cosa che mi renderebbe felice. E anche se non sarà bello come I Goonies, non importa. Basterà averlo fatto”.

 

Arriverà mai una nuova avventura dei Goonies? Forse è meglio di no? Nel frattempo, ci piaccia o meno, prepariamoci per il nuovo Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi.

Scroll to top