Jason Momoa: da bagnino di Baywatch a re dei mari in Aquaman

Il 2018 non è ancora finito, che già abbiamo un serio pretendente al titolo di più grande star del 2019. Stiamo parlando di Jason Momoa. L’attore diventato noto soprattutto grazie a Game of Thrones, oltre a essere grande e grosso fisicamente, è il protagonista di Aquaman, il cinecomics che sta già facendo sfracelli ai box office internazionali e che a partire dal prossimo 1 gennaio raggiungerà anche le sale cinematografiche italiane.

Curioso di scoprire qualche informazione maggiore su questa possente stella del piccolo e del grande schermo? Ecco tutto, o almeno tutte le cose più interessanti, da sapere su di lui.

#1 Vita alle Hawaii

Jason è nato a Honolulu, nelle Hawaii, da madre di origini tedesche, irlandesi e native americane, e da padre statunitense di origini native hawaiiane. È inoltre nipote d’arte: i suoi zii sono i fratelli ex campioni di surf Bryan e Rusty Keaulana. Dopo essere cresciuto con la madre nell’Iowa e aver conseguito la laurea in biologia della fauna selvatica all’Università del Colorado, ha fatto ritorno nelle Hawaii dove ha ritrovato il padre. Da lì è partita la sua carriera di modello e la conquista del mondo, a partire dalla vittoria nel 1999 del titolo di modello dell’anno e di miglior bellezza maschile delle Hawaii.

#2 Bagnino vero e per finta

L’esordio recitativo? Momoa l’ha fatto in Baywatch, nelle stagioni ambientate proprio nelle sue Hawaii. Ha indossato il costume del bagnino Jason Ioane per 44 puntate della serie, più la partecipazione al film TV Baywatch – Matrimonio alle Hawaii. Prima di farlo per finta, Jason è però stato bagnino anche nella realtà. Da adolescente è infatti diventato il più giovane bagnino della storia della Costa del Golfo.

#3 Il mistero del matrimonio

Jason è sposato? Sì, dal 2017 sì. Nonostante faccia coppia fissa dal 2005 con la collega Lisa Bonet, attrice nota in particolare per la parte di Denise nella sitcom I Robinson, e nonostante fosse circolata la voce che i due si fossero sposati nel 2007, in realtà a livello legale la loro unione è stata ufficializzata soltanto nell’ottobre del 2017.

#4 Tutto in famiglia

Sposando Lisa Bonet, Jason Momoa è diventato il patrigno dell’affascinante cantante e attrice Zoë Kravitz, che la moglie ha avuto dalle precedenti nozze con la rockstar Lenny Kravitz. Zoë fa ora parte del cast della serie Big Little Lies insieme a Nicole Kidman, che in passato ha avuto una relazione proprio con il padre Lenny. Inoltre, la Kidman ora in Aquaman ha la parte della madre di… Jason Momoa. Per la serie: tutto in famiglia.

#5 La storia dietro la cicatrice

Uno dei tratti distintivi di Momoa, oltre al fisico imponente, è la cicatrice sul suo sopracciglio sinistro. Come se l’è provocata? Nel novembre del 2008, nel corso di una rissa avvenuta al Birds Cafe di Hollywood, è stato sfregiato al viso con un bicchiere rotto da un altro cliente del bar. Durante l’intervento ricostruttivo ha ricevuto 140 punti, ma gli è rimasta una cicatrice ben visibile e che – diciamolo – fa cattivo. Cosa che per ottenere parti come quella di Khal Drogo in Game of Thrones certo non ha guastato.

#6 Diventare Khal Drogo

A fargli avere l’ingaggio come Khal Drogo nella serie Game of Thrones non è comunque stata la sua cicatrice, quando un altro fattore. Nel corso del suo provino, per rendere la scena più interessante, anziché cantare nella lingua Dothraki di Drogo, Jason ha deciso di fare una tradizionale danza Maori, il canto della guerra tipico della Nuova Zelanda. Una decisione che si è rivelata vincente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

My editing skills suck

Un post condiviso da The Super Samoan (@markhuntfighter) in data:

#7 Arti marziali

Jason Momoa è anche un appassionato di arti marziali, che ha imparato per interpretare il ruolo di Ronon Dex nella serie Stargate Atlantis e per la parte del protagonista in Conan the Barbarian, il reboot del franchise interpretato negli anni ’80 da Arnold Schwarzenegger. A partire dal 2017 ha cominciato a praticare anche il jiu jitsu brasiliano. Insomma, uno come lui è meglio avercelo come amico.

#8 Il re dei mari

Se fino ad ora eravamo abituati a conoscerlo principalmente come Khal Drogo, presto saremo abituati a considerarlo più che altro come Arthur Curry alias Aquaman, il re di Atlantide. Jason ha già interpretato il personaggio della DC Comics con un breve cameo in Batman v Superman: Dawn of Justice e poi in Justice League, ma dall’1 gennaio 2019 arriva nei cinema il primo film solista tutto su di lui e, almeno a sentire le prime recensioni, sembra sia un cinecomics decisamente da non perdere.

#9 Corvo mancato

C’è invece un altro ruolo in cui purtroppo non lo vedremo, quello de Il corvo. Jason Momoa sarebbe dovuto essere il protagonista del reboot del popolare franchise dark e riprendere il ruolo reso iconico da Brandon Lee. Niente da fare. La maledizione legata a questa saga ha colpito ancora una volta e lo scorso giugno a malincuore il regista Corin Hardy e l’attore hanno annunciato di aver abbandonato la produzione della pellicola, che non vedrà mai la luce. Non con lui come interprete, se non altro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

I knew from the off, that the idea of making a new version of The Crow was never going to be for everyone, because it is a beloved film. And I say that as someone in love with it myself. But I poured everything I had into the last 3.5 years of work, to try & create something which honoured what the Crow stood for; from James O’Barr’s affecting graphic novel, to Alex Proyas’s original movie, with great respect to Brandon Lee and with the desire to make something bold and new, that myself, as an obsessive fan, could be proud of. And with @prideofgypsies Jason Momoa, and my amazing team of artists & film-makers, we came SO close. But sometimes, when you love something so much, you have to make hard decisions. And yesterday, deciding it was time to let go of this dark & emotional dream project, was the hardest decision of all. Buildings burn, people die, but real love is forever.

Un post condiviso da Corin Hardy (@corinhardy) in data:

Vedi anche:

Scroll to top