30 anni di Game Boy: un compleanno tutto da giocare

Il Game Boy quest’anno spegne 30 candeline. Cosa che ci porta a due tipi di reazione. La prima è quella di fare le nostre migliori congratulazioni alla Nintendo e i nostri migliori auguri di buon compleanno a un pezzo fondamentale della nostra infanzia/adolescenza.

 

Dall’altra parta ci porta anche a un’altra reazione, decisamente meno entusiastica: ma quanto ci sentiamo vecchi, pardon anziani?

Una ricorrenza storica

Il 21 aprile 1989 è stato lanciato per la prima volta sul mercato nipponico quello che poi si sarebbe rivelato un autentico fenomeno mondiale. È in quella data che il Game Boy ha cominciato la conquista del Giappone. La console portatile di Nintendo è stata in seguito distruibita anche dalle nostre parti, prima dalla Mattel e poi dalla Giochi Preziosi sotto il marchio GiG Electronics.

Il segreto del suo successo

All’epoca il Nintendo 8 bit stava già spopolando nelle case di mezzo mondo. Il passo successivo dell’azienda giapponese è stato quello di imporsi anche con un prodotto portatile, in grado di essere giocato ovunque, pure in giro. Anche durante le gite scolastiche, in cui il Game Boy riusciva a trasformare chi lo possedeva nel ragazzino più popolare e ricercato come amico, almeno per qualche ora.

Non si trattava del primo videogame portatile in assoluto, ma era il primo a proporre una qualità elevata, grazie a un processore Z80 della Sharp e a uno schermo a cristalli liquidi integrato con quattro tonalità di grigio/verde, a giochi cult come Super Mario Land, Tetris e The Legend of Zelda: Link’s Awakening, e anche a un suo stile estetico niente male. Cosa che, come anche la Apple ben sa, non guasta affatto nell’imporre un aggeggio tecnologico all’interno dell’immaginario collettivo.

 

Il Game Boy è stata la console portatile “must have” per eccellenza. Un oggetto cult, diventato un fenomeno della pop culture, smerciato in oltre 100 milioni di unità in tutto il mondo, che ha avuto un enorme per successo per tutti gli anni ’90.

Uno status symbol di quel decennio di cui si sente una gran nostalgia. Non a caso, proprio in occasione del suo 30esimo compleanno, le ricerche della console portatile sul sito Subito.it sono aumentate del 72% nel corso delle prime due settimane di aprile, e sembra che tutti lo vogliano ancora. È di nuovo Game Boy mania?

Scroll to top