Uno: oh no, abbiamo sempre giocato nel modo sbagliato!

È uno dei giochi più popolari del mondo. Forse il numero 1 in assoluto, almeno di nome: Uno, appunto.

Avete presente? Bene, anzi male, perché adesso abbiamo una notizia riguardo al noto gioco di carte della Mattel che potrebbe sconvolgervi e mettere in dubbio ogni certezza nella vostra vita. Tutti noi abbiamo sempre giocato nella maniera sbagliata.

 

L’annuncio shock

Giusto pochi giorni fa, i social manager che si occupano della pagina ufficiale di Uno su Twitter hanno fatto una rivelazione che ha lasciato in molti sorpresi. Noi compresi. L’azienda produttrice del gioco ha deciso di fare chiarezza una volta per tutte su una questione spinosa.

La pagina ufficiale di Uno ha fatto sapere che le carte +2 e +4 non sono cumulabili. Ripetiamo: NON sono cumulabili. Ebbene sì, per anni e anni abbiamo sbagliato tutto!

Se nel corso di una partita, dopo che un altro giocatore ha scartato un +2 o un +4, voi avete piazzato una carta analoga girando il problema, raddoppiato o triplicato, al giocatore dopo di voi, sappiate che non si fa. È vietato dal regolamento ufficiale, poiché queste carte non si possono sommare tra loro. Chi ha subito una penalità, non può infatti rigirarla agli altri, bensì deve pescare le carte in più che gli sono capitate e saltare il turno per poter scartare.

Potete immaginare quale putiferio si sia scatenato su Twitter. Roba da far sembrare tranquilla la pagina Facebook dell’INPS. I social manager di Uno hanno comunque tenuto a precisare, mettendo fine a ogni tipo di dubbio, che non si può mai giocare una carta con un + davanti in risposta a un’altra.

A questo punto, che fare? Dobbiamo presentare ricorso contro tutti quelli che ci hanno sconfitto in passato, chiedendo una revoca delle loro vittorie? O forse è meglio far finta di niente e continuare a giocare a Uno come abbiamo sempre fatto, che è più divertente e anche noi ne abbiamo spesso approfittato?

Vedi anche:

Lol
Scroll to top