Uun tradimento non si prescrive. E i legali lavorano

La storia era singolare e a ritenerla anche credibile sono stati in molti, comprese testate giornalistiche autorevoli. Protagonista un’attempata signora che, scoprendo un tradimento del marito avvenuto cinquant’anni prima, ha deciso, dopo settanta di matrimonio, di chiedere il divorzio. A mandarla su tutte le furie, la scoperta di una lettera scritta ad una donna dal marito, allora quarantaduenne. Fonte della storia indicata dalle testate: l’associazione “Avvocati di strada” che, con settecento iscritti in Italia, assiste chi ha difficoltà economiche. La quale, un paio di giorni dopo l’uscita della notizia, ha però smentito di aver mai seguito un caso simile. La notizia, hanno spiegato, era stata recapitata ai media da ignoti utilizzando un indirizzo e-mail riconducibile all’Associazione, ma falso. E molti giornalisti ci erano caduti. Regalando all’Associazione, questo è certo, più di qualche minuto di celebrità. Avere un’auto, ma dimenticarsi di tutte le noie legate al fatto di esserne proprietari. Per questo i privati preferiscono sempre più nuove forme di usufrutto: dal car sharing, al leasing. Ed è in forte aumento la diffusione del noleggio “tutto incluso”. Come funziona? Nel contratto si stabiliscono le rate e vari servizi come manutenzione, assistenza stradale e vettura sostitutiva. Concordati i chilometri massimi percorribili e la durata del contratto, si parte. Sapendo che, allo scadere del termine, non sarà possibile riscattare la vettura. Insomma, zero pensieri.

Scroll to top