Scherzi di Carnevale e il GPS per i gatti

Politica, guerra, diritti e mafia. Ma anche i danni del fumo e le barriere architettoniche.
Il Carnevale a Viareggio è come sempre colorato e variegato, un’esplosione di ironia contro paure e ingiustizie. Ed ecco quindi che spunta anche un carro dedicato alle fake news, alla manipolazione delle notizie e dell’informazione: il fenomeno del momento, tanto temuto soprattutto dai politici.
Topi giganteschi circuìti da un pifferaio magico. Ovvero: la notizia riportata senza essere verificata e il mondo che la segue senza sapere se è la verità. Perché, dice il suo ideatore, per me la libertà di stampa non esiste ancora

Chissà come passa le giornate? E chissà dove va? Un mistero per tutti i padroni di gatti liberi di scorrazzare per il quartiere.
A porvi rimedio, dall’altra parte del mondo, il governo australiano che ha lanciato un progetto per monitorare gli spostamenti dei felini domestici.
Semplice partecipare: basta compilare un modulo on line. Si riceve quindi un gps da applicare al collare e periodicamente viene inviato un report.
Cat Tracker Australia aiuterà quindi a capire gli spostamenti ma anche le abitudini dei felini che possono risultare dannose per l’ambiente. E i dati verranno analizzati dalla University of South Australia.
Non solo curiosità, quindi, ma anche interessi scientifici.
Perché si sa: curiosity killed the cat

Scroll to top