“Naufraga con smalto”, la fake news virale su Josepha [24/07]

FAKE -“NAUFRAGA CON SMALTO”, LA FAKE NEWS VIRALE SU JOSEPHA

Occhi sbarrati e sguardo assente, stremata dopo due giorni in mare attaccata a un pezzo di legno della barca naufragata. Così è stata ritrovata Josepha dai volontari della Open Arms che l’hanno tratta in salvo. Le foto hanno fatto il giro del mondo e dei social. Ma a poche ore dal salvataggio, sul web hanno cominciato a spopolare le foto della donna con le unghie smaltate cui hanno fatto seguito centinaia di post pieni di odio all’indirizzo della migrante camerunense. “È un’attrice”, “Non c’è stato alcun naufragio”, “Scappa dalla guerra ma si è pitturata le unghie”. Una montatura con toni che vanno oltre le fake news, post venati di razzismo. La verità la raccontano i testimoni a bordo dell’open Arms: le volontarie della Ong le hanno messo lo smalto per distrarla. Un modo per sbloccare la donna sotto choc, farla parlare e per distoglierla da quello che aveva passato.

GOOD- LAVORARE MENO RENDE PIÙ FELICI E PRODUTTIVI MA STOP AI SOCIAL

Lavorare meno rende più produttivi e anche più felici. Non è un sogno ma l’esito di una sperimentazione tedesca. Trenta ore di lavoro a settimana, invece di quaranta e stesso stipendio. Unica condizione: niente cellulare, stop all’uso dei social. Così si in Baviera nell’azienda Jobroller di Straubing, che si occupa di ricerca di lavoro online. Ciò che viene richiesto è la concentrazione assoluta in cambio di maggior tempo libero. E la felicità è assicurata.

Scroll to top