Spike News - Fake vs Good 01:30
episodio

Libertà di stampa e le false confessioni di stato in Cina

Il 3 maggio, si celebra la Giornata Internazionale della Libertà di stampa. Una conquista fragile, messa a dura prova da governi non democratici e gruppi di potere. In Cina, ad esempio, la Tv di stato centrale trasmette un format inquietante: video di persone che confessano davanti a una telecamera di aver compiuto crimini o episodi disdicevoli. Secondo un report diffuso da Safeguard Defenders, un’organizzazione non governativa che si occupa di diritti umani in Asia, si tratta di confessioni spesso estorte con la forza e prima di un regolare processo. Il report prende in esame 45 casi avvenuti fra il 2013 e il 2018. Più della metà riguardano avvocati, giornalisti e persone che promuovono il rispetto dei diritti umani nel paese del Dragone.

E’ ancora sperimentale ma promette bene: in Cina un tratto di autostrada lungo circa un chilometro produce energia elettrica, grazie a pannelli solari fotovoltaici installati al posto del tradizionale asfalto. Non solo, presto potrebbe essere in grado di caricare le batterie dei veicoli elettrici mentre percorrono la strada. Si tratta di uno degli esempi più concreti del piano “Made in China 2025”, messo a punto dall’autorità di Pechino che ha in programma di differenziare meglio l’offerta industriale del paese puntando di più sulle tecnologie legate alle energie rinnovabili e all’automazione.

Scroll to top