A lezione di calcio “made for China”

E se il calcio si potesse imparare dalle leggende del pallone, pronte a svelare il segreto di un buon tiro di testa o un calcio di rigore? E se bastassero un’app e pillole video da guardare anche sul cellulare? Detto, fatto.
La soluzione si chiama ZQL (in cinese Zuqiulegends) ed è una start up creata da un italiano, Giovanni Lovisetti, e un uruguaiano, Nicolas Santo. Ma la sfida non finisce qua: le lezioni sono tutte ‘made for China’. Pensate cioè per quei 300 milioni di tifosi cresciuti nel tempo grazie alle tournée dei top club europei nella Grande muraglia, ai diritti tv dei campionati Uefa fino agli investimenti nei principali club del Vecchio continente, Milan in testa. Così il calcio è diventato un affare di Stato.
Le lezioni sono a pagamento, con filmati di 1-2 minuti a volte su un singolo gesto tecnico. E tra i prof a a disposizione anche i due ex rossoneri Alessandro Costacurta e Massimo Ambrosini.

Scroll to top