l’enzima mangia-plastica amico dell’ambiente

‘Dio è morto, Marx è morto e Renzi m’ha trombato definitivamente’. Gianni Kuperlo, con la K, si presenta così, seguito da quasi 40mila followers. Ne ha quasi il doppio Renzo Mattei che il 9 maggio cinguetta così: ‘Sta per nascere il Governo Neutrale. E niente, fa già ridere così’.
Ecco qualche assaggio di fake account, fenomeno in espansione, raccontato in ‘Fake Republic, la satira politica ai tempi di twitter’: il proliferare sui social di profili finti, perfettamente modellati su quelli veri, tanto da finire per essere confusi, diventare fonte di ispirazione o di imitazione.
Svelando poi anche chi c’è dietro: militanti o semplici appassionati di politica che raccontano cosa succede quando si decide di fare l’alter ego social di un politico. E per lo più di un politico di sinistra. A destra, se si esclude il caso Arfio Marchini… famosa la sua ‘Roma ti amo’, si scherza infatti meno.
E i diretti interessati sembrano prenderla bene e in un certo senso loro stessi fanno da stimolo. Dopotutto i fake aiutano la popolarità dei politici, portano il loro messaggio a un pubblico nuovo.
Come osserva Federico Palmaroli, il ‘papà’ di ‘Osho’: ‘Prima erano in pochi a rispondermi oggi tutti i politici hanno capito che questo meccanismo funziona, gli fa gioco e quasi mi cercano’.

Come tutti gli anni, con la presentazione della dichiarazione dei redditi, possiamo decidere a quali onlus, enti benefici, confessioni religiose o partiti politici devolvere i nostri 8, 2 e 5 per mille. E buone notizie arrivano proprio dagli ultimi dati sulla quota delle imposte sul reddito.
Importo in aumento, dai 480 milioni del 2015 ai 491 del 2016, crescita delle preferenze complessive e incremento di 50 centesimi della donazione media che raggiunge quasi i 30 euro.
Guardando poi ai singoli settori, Comuni e Ricerca Scientifica perdono un pò di preferenze mentre crescono Onlus, Ricerca Sanitaria e Associazioni Sportive.
E, con una certa costanza, continua la presenza di organizzazioni che non raccolgono alcuna preferenza: quest’anno sono 1.245.

Scroll to top