Ecco la mano bionica, dal prossimo anno sul mercato

Si chiama Hannes ed è la prima mano bionica pronta per entrare in commercio dal prossimo anno. Riceve i segnali dagli impulsi nervosi che dal cervello vengono trasmessi attraverso i muscoli fino ai suoi elettrodi; muove le sue cinque dita in modo quasi naturale, eguagliando al novanta percento una mano vera; indossarla è facile e non richiede interventi chirurgici. Una rivoluzione, come conferma Marco Zambelli che la indossa:
La mano bionica è stata creata in Italia, nel laboratorio congiunto nato nel Duemilatredici dalla collaborazione tra Inail e Istituto italiano di tecnologia. Ma la sua storia era cominciata dieci anni prima, con la creazione del robot iCub. Nel Duemilaquindici il primo modello, fino all’evoluzione in quella attuale, al cui sviluppo ulteriore si lavora ancora. Il nome Hannes è in onore di Johannes Schmidl, autore, nel lontano Sessantacinque, della prima mano controllata dagli impulsi nervosi trasmessi dai muscoli. Con un corredo di guanti color pelle in versione maschile e femminile, ha ricevuto la certificazione CE come dispositivo medico di fase 1.

Scroll to top