Lol

Sanremo 2019: si finge Giorgio Napolitano per un accredito, ma viene scoperto

Anche oggi la nostra giornata può essere considerata produttiva: abbiamo infatti trovato il nuovo eroe del giorno. Anche se il dilemma è legittimo: eroe, oppure pirla del giorno?

Di chi stiamo parlando? Di un 43enne napoletano che ha cercato di ottenere un accredito per il Festival di Sanremo 2019, partito ieri sera, in una maniera decisamente fantasiosa e pure articolata.

Lei non sa chi sono io

L’uomo ha creato un falso dominio web, chiamato “senato.eu”. Attraverso diverse caselle di posta elettronica e utilizzando le generalità di celebri personalità istituzionali come l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, e l’ex presidente della Commissione di Vigilanza Rai Sergio Zavoli, ha quindi presentato richiesta di ottenere un accredito per il teatro Ariston.

Missione fallita

Il 43enne se l’è studiata bene, di questo dobbiamo dargliene atto, ma non benissimo. Le e-mail di richiesta hanno infatti fatto insospettire la Rai, che ha presentato una denuncia. Gli agenti della polizia postale hanno fatto scattare le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma, e hanno compiuto una perquisizione nella sua dimora, dove hanno sequestrato vari computer, supporti informatici e pure sette hard disk.

L’accusa

Il napoletano che si è finto Napolitano, e non solo lui, deve ora rispondere di sostituzione di persona. Gli investigatori del Centro nazionale anticrimine informatico della protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipic) della polizia postale hanno accertato che l’uomo si era spacciato per sei noti personaggi istituzionali. La polizia ha anche effettuato il sequestro del dominio “senato.eu”, oltre che del contenuto delle sei caselle mail associate. Per l’uomo 43enne Sanremo 2019 è già finito, ancora prima di iniziare.

Partecipa al sondaggio

Vedi anche:

Scroll to top