Breve storia del “rescue can”: il salvagente reso famoso da Baywatch

Chi sono i principali protagonisti di Baywatch?
David Hasselhoff nei panni del bagnino Mitch Buchannon, certo. Come non citare poi il fisico prorompente di Pamela Anderson? Una menzione d’onore se la merita anche Michael Newman, il vero guardaspiaggia che può essere considerato un po’ l’eroe silenzioso della serie TV. C’è però pure qualcun altro che non va dimenticato e che compare in tutti gli episodi. O meglio, qualcos’altro: il rescue can. Di cosa accidenti stiamo parlando?

 

Il nome magari, anzi probabilmente, non vi dirà molto, ma di sicuro è un oggetto che avete ben presente. Se avete visto anche solo una puntata di Baywatch, se non altro. Stiamo parlando dello strumento di salvataggio più utilizzato dai bagnini della serie cult anni ’90 e infatti, oltre a essere conosciuto dai professionisti del settore come Rescue Can o Rescue Buoy, è anche chiamato confidenzialmente nel gergo italiano “Baywatch”, talmente è identificato con lo show.

 

Un po’ di Storia

Quali sono le origini di quest’oggetto che ha salvato un sacco di persone nella vita reale, e pure un sacco di comparse all’interno della serie TV? Le prime versioni di questo utile strumento risalgono ai primi del Novecento, quando era ancora realizzato in alluminio, legno, sughero e fibra di vetro.

Caratteristiche

La versione più comune attualmente in uso è in plastica ed è dotata di una corda con laccio, in modo da poter essere usata comodamente dai bagnini. È inoltre un oggetto di salvataggio molto leggero che permette così di correre velocemente lungo la riva, per poter raggiungere con rapidità la zona in cui si trova la persona in pericolo.

 

Tra le sue altre caratteristiche vi è una notevole galleggiabilità, che lo rende fondamentale per tenere a galla le persone da salvare. Un altro uso da non sottovalutare che può essere fatto, è quello come scudo di protezione nel caso ci si trovi in una zona rocciosa con scogli. O anche in mezzo a una rissa.

Un ulteriore punto di forza

Il Rescue Can, o Baywatch se preferite, è quindi un oggetto indispensabile per la professione dei guardaspiaggia. Sia nella realtà, che nella finzione televisiva. E inoltre, cosa che non guasta, è estremamente stiloso, soprattutto nella versione rossa resa celebre dalla serie con David Hasselhoff e compagni. Cari bagnini a care bagnine, mai più senza!

Ringraziamo gli spiker Angelo Varzi e Pietro Cuomo per l’ispirazione

Vedi anche:

Scroll to top